L’elettrostimolazione muscolare è uno dei trattamenti di medicina alternativa più utilizzati per gli spasmi muscolari, soprattutto nelle terapie alternative. Sebbene il metodo dell’elettrostimolazione muscolare sia stato scoperto oltre sessant’anni fa, solo recentemente è diventato popolare come trattamento per vari disturbi. Esistono due tipi di elettrostimolazione per i muscoli: profonda e superficiale. La stimolazione profonda viene spesso utilizzata per trattare lesioni come distorsioni e stiramenti, mentre la stimolazione superficiale viene utilizzata per trattare tumori e malattie infettive come l’herpes.

Un tipo di elettrostimolazione per i muscoli è noto come stimolatore elettrico transcutaneo dei nervi (TENS). Una macchina TENS è una speciale macchina per elettroterapia che invia piccole quantità di corrente ai muscoli attraverso l’uso di una porta. Quando la corrente entra in contatto con i muscoli, questi vengono spinti a contrarsi proprio come farebbe un muscolo quando viene ferito. La corrente è normalmente sufficiente a causare la contrazione del muscolo, motivo per cui molte persone considerano questo metodo più sicuro delle terapie di elettroshock. La quantità di corrente che viene utilizzata può essere controllata da una persona attraverso una serie di elettrodi che sono attaccati su entrambi i lati del corpo.

La scelta di puntare tutto sulla elettrostimolazione per i muscoli rappresenta in molti casi una necessità doverosa e che non si può rinviare nel tempo, specie a fronte di situazioni di ovvio disagio, di patologie, di infortuni e di situazioni di salute incombenti per le quali questo tipo di approccio rappresenta una vera e propria strada segnata. Ma da ogni punto di vista bisogna entrare dentro i vari lati di questo tema e capire che differenze ci sono da caso a caso. A seconda delle esigenze e a seconda di quelle che sono le nostre particolari forme di urgenza o bisogno infatti possono cambiare e anche di molto le carte in tavola.

Un altro tipo di elettrostimolazione per i muscoli è la stimolazione galvanica. Questo metodo funziona inviando una corrente continua ai muscoli. Quando la corrente entra in contatto con i muscoli, questi sono incoraggiati a contrarsi proprio come farebbe un muscolo quando si verifica una lesione. Molti medici considerano questa un’opzione meno dolorosa per l’elettrostimolazione dei muscoli perché non c’è corrente che passa attraverso la pelle.

Sul sito cinturemassaggianti.it trovi altro sull’argomento.